8. SEDAZIONE:

Con il termine sedazione si definisce “uno stato ridotto di ansia indotto dalla somministrazione di un agente sedativo”. Si parla di sedazione cosciente quando con l’uso di farmaci il medico anestesista  induce non solo uno stato di ansiolisi ma anche una lieve depressione della coscienza durante il quale il paziente risponde in maniera avveduta ai comandi verbali e alla stimolazione tattile. Grazie alla sedazione cosciente endovenosa molti interventi sono divenuti più sicuri e veloci da realizzare in quanto il paziente collabora più facilmente con l’odontoiatra e nello stesso tempo l’odontoiatra può intervenire in tutta tranquillità sapendo che il paziente è tranquillo e non avverte nessun tipo di dolore, rendendo così migliore la prestazione dell’odontoiatra stesso.